Zuel di Qua e Zuel di Là: tra sentieri e natura

Nasce “Borgo vivo”, la nuova identità di Cison di Valmarino

|

A inizio 2024 nasce “Borgo Vivo”, il progetto che promette di infondere nuova vita al territorio di Cison
di Valmarino
e di posizionarlo al centro di una rinascita economica e sociale senza precedenti.
Nello specifico, l’obiettivo è quello di favorire la presenza degli artigiani lungo tutto l’arco dell’anno,
così come di potenziare i servizi rivolti agli abitanti e ai visitatori, aumentando l’attrattività
del territorio anche nei confronti dell’imprenditoria e di futuri potenziali residenti.
L’identità visiva scelta per il borgo costituisce un passo avanti significativo nella costruzione
di una identità comune forte e di un senso di appartenenza condiviso: «È questo un aspetto
fondamentale ai fini della crescita e dello sviluppo di tutti i luoghi compresi nel comune, ognuno
con le proprie risorse e peculiarità – ha spiegato Cristina Da Soller. La ricchezza di Cison diventa
così, oggi, un elemento di aggregazione e di coesione, nonché di stimolo al rilancio economico e
sociale del borgo nel suo complesso, aggregando e armonizzando gli interessi delle singole realtà».

Come annunciato, il simbolo scelto per rappresentare Cison di Valmarino è un cuore: si tratta
di una scelta voluta per trasmettere quell’immagine semplice e universale che incarna la vitalità
dell’intera comunità. Un cuore che racconta la storia di un piccolo mondo nato dal lavoro manuale
e dalla passione degli artigiani. Nell’immagine sono rappresentate tutte le sette frazioni che
compongono il borgo: Tovena, San Boldo, Soller, Gai, Mura, Rolle e Cison di Valmarino, e simboleggia
la capacità di ognuna di unirsi alle altre come in un unico cuore che batte all’unisono.
Il progetto “Borgo Vivo” è il risultato di una sinergica collaborazione con l’agenzia di comunicazione
trevigiana Heads Collective, e rappresenta il primo passo di un piano strategico articolato, volto
a ridefinire l’identità corale del borgo in modo integrato e distintivo. Un progetto che comprenderà,
nei prossimi mesi, anche un rinnovato storytelling del territorio e dei suoi itinerari, e la sua
promozione attraverso la creazione di un nuovo sito web nonché l’ottimizzazione dei canali social.
L’iniziativa si inserisce nell’ambito del piano strategico finanziato nel contesto del “PNRR – Next
Generation EU, Missione 1 Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Component 3 –
Cultura 4.0 (M1C3) Misura 2 “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale, religioso
e rurale”, Investimento 2.1 – “Attrattività dei borghi storici”, un insieme di azioni e interventi finalizzati
a promuovere la rigenerazione, la valorizzazione e la gestione del patrimonio di storia, cultura
e tradizioni artigiane dei piccoli borghi italiani.